Robert Rauschenberg

Che l’immenso artista fosse legato a Venezia, non era un segreto. Che avesse un particolare rapporto con il Guggenheim di New York non lo aveva certamente nascosto a nessuno. Che la sua prima mostra da postumo fosse alla Fondazione Guggenheim di Venezia era davvero una cosa ovvia. Sono 250 le opere esposte dell’illustre maestro, che vedendo il degrado, la recessione, la crisi economica, decise mantenendo comunque la loro derivazione, senza modellarli eccessivamente, di usufruire di materiali industriali derivati dagli scarti per la realizzazione delle sue opere. Un chiaro segnale, che l’artista vuole trasmettere. Con l’utilizzo di materiale riciclato, esso esprime l’attenzio ma anche il grido di aiuto vedendo cosa sta accadendo. Un manifesto di una recessione, di una crisi che logora il paese, il suo paese. Le opere saranno in mostra fino al 20 settembre. Davvero da non perdere.

Robert Rauschenberg – Gluts
a cura di Susan Davidson e David White
Collezione Peggy Guggenheim – Palazzo Venier dei Leoni
Dorsoduro 701 (zona Accademia) – 30123 Venezia
Orario: da mercoledì a lunedì ore 10-18
Ingresso: intero € 12; ridotti € 10/7

robertrauschenbergglutsguggenheim1

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...